GUSTO ITALIANO

Vino Rosso

Chi ha inventato il Vino?

“Colui che beve solo acqua ha un segreto da nascondere.…”(Baudelaire)

Il vino e’ menzionato nella Bibbia, uno dei libri piu’ antichi al mondo, ed il vino rosso e’ tuttora presente in tutte le cerimonie cattoliche per essere bevuto simbolicamente come il sangue di Cristo. Sara’ forse per le sue proprieta’ inebrianti scoperte sin dall’antichita’, che questa bevanda alcolica,e’ la piu’ bevuta, commercializzata e conosciuta dell’umanita’.

Chi ha inventato il Vino (Rosso)

Di leggende ce ne sono tante. C’è chi addirittura sostiene che in realtà il frutto proibito fosse l’uva e non  la mela. Magari davvero Adamo ed Eva si erano inebriati cosi tanto da aver commesso il peccato originale?
C’e’ poi un’altra leggenda che parla di una principessa persiana che, disonorata dal re, per mettere fine alla sua vita, mangio’ dell’uva andata a male, sperando fosse veleno. Di fatto si risveglio’ solo inebriata.

vino rosso, chi ha inventato il vino

Il Vino Rosso nell’Antichita’

Il Vino Rosso è in assoluto il piu’ antico, perché all’inizio non si sapeva dividere la buccia dagli acini. Infatti, il colore del vino non sempre dipende dal colore delle uve, ma dalla metodologia di lavorazione delle stesse.

Attenendoci alla storia, i dati archeologici confermano che la Vitis vinifera, detta anche vite comune,  era inizialmente presente in alcune parti della Cina e anche nel Mediterraneo, soprattutto nelle zone dell’attuale Iran, Grecia e Sicilia della vite. La Bibbia parla del Monte Ararat (in Turchia) come il luogo dove venne piantato il primo vitigno.

Gli storici  ritengono che l’arte della viticoltura sia iniziata intorno al 6000 a. C. data in cui le popolazioni erano riuscite a creare stanziamenti stabili tramite l’addomesticamento degli animali e la coltivazione delle piante da frutto, tra cui la vite. I glottologi hanno anche stabilito che il termine “vino” (dal latino vinum) abbia un’origine anatolico-caucasica, quindi a conferma che fu  in queste regioni che  iniziò la coltivazione domestica.

Dalla Vite al Vino Rosso

Per produrre il vino, il succo d’uva deve essere aggiunto alla zucchero, affinche’ fermenti e si trasformi in alcol.
Questo processo di fermentazione era gia’ conosciuto nel Mesolitico (10.000 a.C.), e si andò perfezionando negli anni a venire . E’ infatti certo che l’uomo neolitico sapeva fermentare i succhi di vari frutti, anche l’uva che non era ancora coltivata come vite domestica.
La viticoltura si estese invece nel 4500 a.C. soprattutto nella Persia e Macedonia. Nel sito greco di quest’ultima, gli archeologi hanno scoperto fossili che indicavano le pratiche della macerazione.

vino rosso, chi ha inventato il vino

Il Primo Vino (Rosso) Moderno

Studi recenti hanno confermato che il vino moderno, come lo conosciamo noi, nacque in Armenia. Stato della ex Unione Sovietica, l’Armenia e’ attraversata dal fiume Arpa. Sulle sue sponde c’e’ Areni (Provincia di Vayots Dzor), un villaggio ancora oggi rinomato per sua produzione di vino. In una delle grotte di Areni, gli archeologi hanno trovato dei vasi pieni di chicchi di uva. Si e’ stabilito che avvenne qui, circa 6000 anni fa il primo vero esempio di vinificazione.

Sulla base di questa importantissima scoperta, la National Geographic, nel 2010 ha finanziato una spedizione di archeologi nella regione. Gli scavi hanno portato alla scoperta di vere e proprie pratiche di vinificazione e produzione seriale del vino (4000 anni a.C.) su un terreno di circa 700 mq. La grotta e’ stata quindi classificata come la prima Casa Vinicola della storia. Il fatto importante e’ che i semi rinvenuti nella grotta, sono gli stessi usati ancora oggi per la produzione del vino.

x
xxxxxxxx

vino rosso, chi ha inventato il vino

.

vino rosso, chi ha inventato il vino

Il Vino Rosso in Italia

Si deve ai greci la coltivazione della vite  in Italia grazie ai greci. Ma furono i romani, dopo gli Etruschi a perfezionare le pratiche di coltivazione, uso e commercio nel 1000 a.C.
All’inizio il vino veniva usato solo in occasioni speciali e per pratiche religiose. 

I romani studiarono e classificarono le varie uve. Furono inoltre i primi ad usare le botti di legno per la conservazione del vino. Questo fu un punto cardine per l’economia di questa bevanda, perche’ il vino prende il suo sapore anche’ a seconda del legno usato. Sembra inoltre che furono i Romani i primi ad usare le bottiglie di vetro . La più antica ritrovata e’  datata 325 d.C. I romani non utilizzavano i tappi, ma coprivano il vino con uno strato di olio.

.

Il Nostro Vino Rosso

La Tenuta Matilde Zasso a Pozzuoli, produce il  rosso Taurasi DOC , fatto con uva Aglianico. La varietà produce vini con un’acidità vibrante e tannini sodi.

taurasi wine

Le Regioni Italiane con i Migliori Vini Rossi

Sicuramente il Piemonte detiene il primato sia in Italia che nel mondo, per la produzione dei suoi vini rossi.  Il Barolo infatti e’ uno dei vini piu’ apprezzati in assoluto

Al centro Italia vediamo invece la Toscana con i famosi Chianti Classico ed il Brunello di Montalcino

Anche se meno conosciute per la produzione del loro vino, Puglia e Sicilia sono ora sul podio rispettivamente per il Primitivo di Manduria ed il Feudo Etna Rosso del 2016

 

vino rosso, chi ha inventato il vino

LEGGI LA RIVISTA

Main Menu